Siamo in costante dialogo con voi

sso_zahnversicherung_1288x940.jpg

Trasparenza e correttezza

I pazienti che non sono d’accordo con le cure o con le note d’onorario del medico dentista possono rivolgersi all’organo di mediazione delle Commissioni arbitrali cantonali (CA).

 

Le domande più importanti su leggi e tariffe

In base a quali criteri vengono fatturate le visite?

I medici dentisti SSO conteggiano le loro prestazioni in base a un tariffario specifico: a seconda dei casi, si applica la tariffa AINF/AM/AI (assicurazione infortuni, militare o invalidità), la tariffa LAMal (assicurazione malattie) o la tariffa DENTOTAR® per i pazienti privati. In tutti e tre i casi, a ogni prestazione sono assegnati dei punti, che corrispondono più o meno al tempo medio necessario per fornirla. Le prestazioni sono indicate singolarmente nella nota d’onorario, il che permette ai pazienti di controllare a quali trattamenti sono stati sottoposti. Per ottenere l’importo totale in franchi, i punti vengono moltiplicati per il valore del punto tariffale.

Ai fini della legge sull’assicurazione infortuni, della legge sull’assicurazione militare e della legge sull’assicurazione per l’invalidità, fa stato il catalogo revisionato delle prestazioni, che prevede un valore del punto tariffale pari a fr. 1.00. Il catalogo si applica anche alle casse malati che sono assicuratori LAINF ai sensi della legge. Nell’ambito dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS), con le casse malati si continua ad applicare il vecchio catalogo delle prestazioni, un valore del punto tariffale pari a fr. 3.10 e il vecchio tariffario per i lavori odontotecnici (valore del punto tariffale pari a fr. 5.55). Per i pazienti privati, invece, i punti possono differire dal valore medio entro un determinato margine a seconda del grado di difficoltà del trattamento. Per gli operatori autorizzati a utilizzare la tariffa, il valore del punto tariffale non può superare fr. 1.70.

Il sistema a punti è la norma nel settore delle prestazioni mediche ed è prescritto dalla legge per gli infortuni coperti dalle assicurazioni. Il valore del punto tariffale applicato ai pazienti privati deve essere affisso in maniera visibile nello studio dentistico e figurare nella nota d’onorario. Poco più avanti potete scaricare la versione abbreviata del catalogo delle prestazioni, mentre quella integrale è disponibile sul sito www.mtk-stm.ch. Qui potete trovare maggiori informazioni sulle tariffe.

Posso decidere di interrompere una cura?

Sì, i pazienti hanno il diritto di interrompere un trattamento in qualsiasi momento. Se è il suo caso, lo comunichi al più presto al suo medico dentista, che conteggerà il tempo impiegato per pianificare le cure e i lavori eseguiti fino a quel momento. Anche il medico dentista ha il diritto di interrompere il trattamento, per esempio nel caso in cui il rapporto di fiducia con il paziente si deteriori.

Non sono d’accordo con il trattamento eseguito o con la nota d’onorario. Cosa posso fare?

Per prima cosa meglio parlarne con il medico dentista. Se non riuscite a mettervi d’accordo, vi è la possibilità di rivolgersi alla Commissione arbitrale della SSO, a patto, però, che il medico dentista sia membro della SSO. La commissione ha il compito di fornire una consulenza specialistica ai pazienti e di valutare i casi in maniera oggettiva. Ciò fa sì che generalmente i conflitti vengano risolti senza troppe difficoltà.

In caso di domande o di un reclamo riguardo all’onorario del medico dentista e/o alla qualità di una prestazione odontoiatrica, i pazienti sono pregati di rivolgersi all’organo di mediazione delle Commissioni arbitrali (CA).

In questo caso la procedura è in parte gratuita. Prima di procedere occorre comunque che il paziente e il medico dentista facciano un tentativo di conciliazione. Se quest’ultimo fallisce, è possibile procedere a una verifica semplice dell’onorario, a una perizia semplice o a una vera e propria procedura di conciliazione. Queste procedure, tuttavia, non sono gratuite. Per i dettagli vi preghiamo di rivolgervi alla sezione SSO del vostro cantone.

In alcuni cantoni esistono uffici cantonali che a loro volta si occupano di procedure di conciliazione e di perizie. Per ulteriori informazioni al riguardo vi preghiamo di rivolgervi al dipartimento della socialità e della sanità del vostro cantone. Ad ogni modo, il paziente ha la possibilità di adire le vie legali ordinarie.

Per ulteriori informazioni:

Segretariato generale SSO
Münzgraben 2
Casella postale
3001 Berna

Telefono: 031 313 31 31
E-mail: segretariato [at] sso.ch

Cosa faccio se sono a corto di denaro?

Anche in questo caso il consiglio è lo stesso: ne parli con il suo medico dentista per trovare un’alternativa. Spesso, infatti, per un problema medico esistono soluzioni più economiche e soluzioni più complesse e pertanto più costose. In caso di trattamenti di una certa importanza conviene chiedere un preventivo, anche se non è mai possibile prevedere tutti gli interventi. Se i costi supplementari superano di oltre il 15 per cento il preventivo, il medico dentista deve informare al più presto il paziente.

Le persone a rischio di povertà possono chiedere un sostegno finanziario per le cure dentarie alle assicurazioni sociali, ai servizi sociali o agli enti assistenziali. Anche i pazienti che abitualmente non ricorrono all’assistenza sociale possono beneficiare di aiuti sociali una tantum. A tale scopo devono però dimostrare di trovarsi in difficoltà finanziarie, mentre il medico dentista deve provare che il trattamento medico in questione è necessario, economico e appropriato. Qui potete trovare maggiori informazioni.

 

Quando paga l’assicurazione?

Come funzionano le tariffe?

Cosa fare quando i soldi non bastano?