Dossier: Informazioni attuali sul coronavirus

Sempre aggiornati: pagine dell’UFSP sul coronavirus

L’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP fornisce regolarmente informazioni sulla situazione attuale in Svizzera e a livello internazionale su questa pagina. Medici dentisti e gli altri i professionisti della sanità possono ottenere qui informazioni specialistiche.

24.09.2020

Rivisto il piano di protezione dell’AMDCS e della SSO

Con il sostegno della SSO, i medici dentisti cantonali hanno elaborato un nuovo documento di posizione, applicabili a partire dal 29 settembre. Il documento di posizione contiene una serie di direttive comportamentali, elaborate sulla base della situazione attuale, che possono essere modificate, completate o revocate in qualsiasi momento. Sono riservate ulteriori restrizioni e direttive dei singoli cantoni.

» Leggi la quinta versione del documento di posizione dell’AMDCS e della SSO (Piano di protezione) (PDF, 191 KB)

14.08.2020

COVID-19: allentamento dell’obbligo di aggiornamento professionale per il 2020

A causa della pandemia di coronavirus, nel 2020 molti congressi, eventi e corsi di formazione continua sono stati annullati. Quest’anno, pertanto, la maggior parte dei medici dentisti non è in grado di ottemperare appieno al proprio obbligo di aggiornamento professionale. Questo obbligo rientra da un lato negli obblighi professionali di cui all’art. 40 lett. b LPMed (Legge sulle professioni mediche, RS 811.11) e d’altro canto è previsto anche dalle Convenzioni tariffali e dalle relative disposizioni di esecuzione. Già lo scorso 23 marzo la SSO si era rivolta ai propri partner tariffari chiedendo un allentamento dell’obbligo di aggiornamento professionale per il 2020. Una richiesta in tal senso è stata poi ribadita dalla sezione turgoviese della SSO all’Assemblea dei delegati della SSO di quest’anno, che l’ha approvata. In virtù delle Convenzioni tariffali, la SSO non ha però potuto approvare unilateralmente un simile allentamento, le serviva il consenso dei partner tariffari. Purtroppo la decisione adottata dall’Assemblea dei delegati (cfr. INTERNUM 4/2020, pag. 89) non è stata integralmente approvata dai partner tariffari. Il 12 agosto 2020 la SSO e i partner tariffari sono giunti al seguente accordo sull’allentamento dell’obbligo di aggiornamento professionale.

Per il 2020, l’obbligo di seguire 80 ore di aggiornamento professionale all’anno è ridotto di 25 ore, per un totale di 55 ore. Le 30 ore di studio personale (lettura di riviste specializzate ecc.) possono come sempre essere fatte valere per intero. Per le rimanenti 25 ore come sempre si può partecipare (in presenza oppure online) a eventi scientifici e/o a sezioni di programmi importanti ai fini dell’attività nello studio medico dentistico. Per il resto si applicano le direttive sull’aggiornamento professionale stabilite dalle Convenzioni tariffali (AINF/AM/AI, DENTOTAR®).

L’allentamento concordato è in linea con la regolamentazione adottata dai medici circa l’obbligo di aggiornamento professionale per il 2020. Se la situazione non dovesse migliorare in modo sostanziale, occorrerà chiedere un allentamento adeguato di tale obbligo anche per il 2021.

07.08.2020

Anche le donne in gravidanza nel gruppo delle persone a rischio

Sulla base delle conoscenze attualmente disponibili, in collaborazione con la Società svizzera di ginecologia e ostetricia (SSGO) l’UFSP è giunto alla conclusione che le donne incinte rientrano nel gruppo delle persone particolarmente a rischio.

Il Servizio giuridico della SSO ha raccolto in un promemoria (PDF, 81 KB) le risposte a queste domande.

 

 

29.07.2020

Aerazione delle sale di cura: nuove domande e risposte

Gli aerosol, attraverso i quali si può trasmettere il coronavirus, possono essere filtrati con i filtri HEPA? Come si disinfettano questi filtri? Quando bisogna sostituirli? Il coronavirus trasportato via aerosol può essere inattivato dai raggi UV? La ionizzazione dell’aria potrebbe essere una soluzione per uccidere i virus del CoViD trasmessi via aerosol?  La SSO non è in grado di rispondere a queste domande perché ci sono ancora troppi aspetti da chiarire. Spetta ai fabbricanti dimostrare l’idoneità di questi apparecchi, rispettivamente convalidare le nuove procedure.

Qual è il volume di ricircolo dell’aria necessario per una sala di cura? Secondo il piano di protezione dell’AMDCS e della SSO, in una sala di cura sprovvista di finestre o di un sistema di areazione automatico è vietato eseguire trattamenti. In caso di misure che generano aerosol, occorre arieggiare per bene l’intera sala entro 15 minuti, in modo che ci sia un ricambio globale dell’aria del locale.

Si può usare senza timori l’impianto di climatizzazione? Sì, gli impianti di climatizzazione e di areazione possono essere usati a patto che si sia proceduto alla loro manutenzione in base alle indicazioni dei loro fabbricanti. Nell’impianto dell’aria condizionata si può far controllare se l’aria in uscita dal climatizzatore risulta più contaminata di quella in entrata.

09.07.2020

Attenzione: termine ultimo per annunciare un’eventuale perdita di guadagno dovuta al coronavirus

Gli indipendenti potrebbero aver diritto a un’indennità perdita di guadagno dovuta al coronavirus a prescindere dal loro reddito. Questo è quanto risulta dall’«Ordinanza COVID-19 perdita di guadagno» emanata dal Consiglio federale. La FMH, la SSO, la Società dei Veterinari e delle Veterinarie Svizzeri e ChiroSuisse, l’associazione dei chiropratici svizzeri, stanno seguendo dei processi pilota volti a valutare, in sede giudiziaria, la legittimità e l’interpretazione dell’Ordinanza. Le richieste d’indennità perdita di guadagno vanno in ogni caso inoltrate entro il 16 settembre.

Comunicato sulla perdita di guadagno dovuta al coronavirus:

» in tedesco (PDF, 47 KB)
» in francese (PDF, 43 KB)

Riduzione delle pigioni commerciali durante la crisi coronavirus

Con ogni probabilità, i medici dentisti non beneficeranno della riduzione del canone di locazione dei loro studi prevista dall’Ordinanza COVID-19 a causa della limitazione delle attività durante l’emergenza coronavirus. Per questo motivo, la SSO raccomanda ai propri membri di mettersi in contatto con il proprio locatore per trovare insieme una soluzione.

Informazioni sulla riduzione delle pigioni commerciali:

» in tedesco (PDF, 36 KB)
» in francese (PDF, 35 KB)

Viaggi nelle regioni a rischio

Un datore di lavoro può vietare al proprio personale di trascorrere le vacanze in determinati paesi? Chi si fa carico delle perdite di guadagno delle collaboratrici e dei collaboratori durante la quarantena? Il Servizio giuridico della SSO ha risposto a diverse domande sul tema dei viaggi nelle regioni a rischio, che ha raccolto in una rubrica a se stante.

vai alle FAQ sui viaggi nelle regioni a rischio:

» in tedesco (PDF, 52 KB)
» in francese (PDF, 52 KB)

Chi paga le mascherine sui mezzi pubblici?

Da lunedì 6 luglio 2020 vige l’obbligo di indossare una mascherina sui mezzi di trasporto pubblici. Il datore di lavoro deve farsi carico del costo delle mascherine di protezione? Generalmente il percorso casa-lavoro non rientra nel tempo di lavoro e pertanto il datore di lavoro non è tenuto a pagare le mascherine. Se invece il contratto di lavoro prevede che percorso casa-lavoro rientri nel tempo di lavoro, il costo delle mascherine è carico del datore di lavoro.

Informazioni per i datori di lavoro sull’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici:

» in tedesco (PDF, 67 KB)
» in francese (PDF, 50 KB)

È il momento di controllare le proprie scorte

La SSO raccomanda ai propri membri di controllare e ampliare le proprie scorte di mascherine di protezione, guanti e altri dispositivi di protezione per prepararsi a un’eventuale seconda ondata della pandemia. La SSO non prende posizione sulla qualità dei dispositivi di protezione di determinati produttori. Questo compito spetta al titolare dello studio dentistico.

29.05.2020

Rivisto il piano di protezione dell’AMDCS e della SSO

Con il sostegno della SSO, i medici dentisti cantonali hanno elaborato un nuovo documento di posizione, che è stato approvato ieri. Dal 2 giugno 2020, per i trattamenti eseguiti dai medici dentisti e dalle igieniste dentali sono in vigore nuove disposizioni. A determinate condizioni, i medici dentisti e le igieniste dentali potranno di nuovo utilizzare gli apparecchi a ultrasuoni e gli airflow. Il documento di posizione contiene una serie di direttive comportamentali, elaborate sulla base della situazione attuale, che possono essere modificate, completate o revocate in qualsiasi momento. Sono riservate ulteriori restrizioni e direttive dei singoli cantoni.

» Leggi la quarta versione del documento di posizione dell’AMDCS e della SSO (Piano di protezione) (PDF, 122 KB)

Il Consiglio federale allenta le misure contro il coronavirus

Dal 6 giugno 2020 è previsto un allentamento delle misure per contrastare il coronavirus. Saranno consentite le manifestazioni con al massimo 300 persone. Le strutture per il tempo libero e turistiche potranno riaprire. Il Consiglio federale ha inoltre deciso di revocare la situazione straordinaria ai sensi della legge sulle epidemie dal 19 giugno 2020.

» Leggi il comunicato stampa del Consiglio federale

12.05.2020

La base della SSO chiede un allentamento dell’obbligo di perfezionamento professionale per il 2020

I membri della SSO si impegnano a seguire ogni anno corsi di perfezionamento professionale. Nella situazione attuale, però, è difficile ottemperare a questo obbligo. I delegati della SSO hanno pertanto approvato una richiesta volta ad allentare l’obbligo di seguire eventi di perfezionamento professionale durante l’anno in corso. Tuttavia la SSO non può approvare unilateralmente un simile allentamento, a tale scopo serve assolutamente il consenso dei partner tariffari, ai quali verrà ora sottoposta la deliberazione dei delegati della SSO. Per il momento, quindi, l’obbligo di perfezionamento professionale rimane in vigore. La SSO vi aggiornerà in merito non appena riceverà una risposta dai partner tariffari.

07.05.2020

Fine della proroga dei termini previsti dall’AI

Dato che generalmente gli interventi di chirurgia mascellare con ricovero in ospedale vengono effettuati poco prima che il paziente compia vent’anni, dopo la decisione del Consiglio federale con cui veniva decretata la situazione straordinaria l’UFAS ha come noto prorogato i termini per gli interventi a carico dell’AI già riconosciuti, garantendoli anche per gli assicurati che nel frattempo avrebbero compiuto vent’anni. In seguito all’allentamento delle misure, la proroga è stata revocata a decorrere dal 30 aprile 2020. Di conseguenza, nel rispetto del termine di sei mesi stabilito dall’UFAS, gli interventi ai quali i pazienti non hanno potuto sottoporsi prima del compimento dei vent’anni a causa della situazione straordinaria decretata dalla Confederazione dovranno essere effettuati entro il 31 ottobre 2020.

25.04.2020

Un elenco delle domande frequenti (FAQ) sul piano di protezione congiunto della SSO e dell’AMDCS

la SSO ha elaborato un elenco delle domande più frequenti (FAQ) sull’igiene nello studio dentistico durante la pandemia e su aspetti di natura economica, giuridica e organizzativa. L’elenco e gli altri documenti possono essere scaricati nell’area riservata ai membri (www.sso.ch > paragrafo «Piano di protezione»).

I membri della SSO possono inviare le loro domande al seguente indirizzo: schutzkonzept@sso.ch

Risciacquare il riunito dentale

Gli impianti dell’acqua potabile e, di conseguenza, i riuniti dentali sono in parte rimasti inutilizzati per diverse settimane, il che potrebbe aver favorito la formazione di biofilm e la proliferazione di microrganismi. Per questo motivo, secondo l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) è indispensabile che gli impianti dell’acqua potabile degli studi medico dentistici vengano risciacquati prima di essere rimessi in esercizio. Anche nelle linee guida per la qualità della SSO sull’igiene nello studio dentistico (PDF, 366 KB) si raccomanda di «lasciar scorrere per almeno 3 minuti l’acqua da tutti i punti di uscita» del riunito «al mattino e dopo lunghi periodi d’inutilizzo».

22.04.2020

«Il piano di protezione dell’AMDCS e della SSO va adeguato caso per caso»

Il piano di protezione congiunto (PDF, 196 KB) dell’Associazione dei medici dentisti cantonali della Svizzera (AMDCS) e della SSO fornisce una serie di raccomandazioni da adottare in vista della ripresa dell’attività negli studi medico dentistici durante la pandemia. L’UFSP ha nel frattempo comunicato che il piano è appropriato per ridurre al minimo i rischi di contagio negli studi medico dentistici. Si è consapevolmente rinunciato a emanare direttive rigide per tenere conto della situazione di ogni studio dentistico. I medici dentisti titolari saranno personalmente responsabili sia dell’applicazione delle direttive contenute nel piano di protezione che dell’adozione di tutti i provvedimenti necessari per proteggere i pazienti e il personale dello studio dentistico. Al momento la SSO sta elaborando un documento con le domande più frequenti (FAQ), che intende mettere a vostra disposizione entro venerdì.

Questionario anamnestico per il coronavirus

Con il sostegno delle cliniche dentarie universitarie, la SSO ha messo a punto un modello di questionario anamnestico specifico per il coronavirus. Tutti i membri della SSO possono scaricare il modello in formato Word aperto nell’area riservata ai membri del nostro sito web. » modello di questionario anamnestico specifico per il coronavirus (PDF, 67 KB)

Indennità di perdita di guadagno coronavirus: la SSO e l’Unione dei liberi professionisti chiedono miglioramenti

Per ora l’indennità di perdita di guadagno è prevista solo per i lavoratori indipendenti il cui reddito da attività lucrativa soggetto all’AVS ammontava, per l’anno scorso, al massimo a 90’000 franchi. Questa disposizione esclude dal diritto all’indennità molti lavoratori indipendenti. Per questo motivo la SSO è intervenuta a livello politico tramite il consigliere agli Stati Pirmin Bischof, presidente dell’Unione svizzera dei liberi professionisti USLP. La Commissione dell’economia e dei tributi (CET-S) e la Commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSSS-S) hanno chiesto al Consiglio federale di rinunciare a questo limite di reddito.

Mascherine protettive

La SSO ha inviato un’altra lettera alle autorità in merito alle mascherine. Non è ancora chiaro quante ne siano disponibili al momento in Svizzera, tuttavia la situazione sul fronte degli acquisti sembra migliorare. La SSO ha nuovamente invitato le autorità competenti (l’Ufficio federale della sanità pubblica, l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese, la Farmacia dell’esercito e le autorità sanitarie cantonali) a fare in modo che anche ai medici dentisti vengano distribuite mascherine provenienti dalle scorte ufficiali. La SSO ha ripetutamente affrontato la questione anche con il commercio al dettaglio. Alcune sezioni cantonali della SSO e società specialistiche si sono a loro volta attivate procurando materiale protettivo ai loro membri.

Ripresa dei trattamenti negli studi dentistici e indennità per lavoro ridotto (ILR)

È impossibile valutare quale sarà la richiesta di trattamenti e di controlli odontoiatrici a partire dal 27 aprile 2020. La SSO sta portando avanti un lavoro mediatico in tutte le regioni del paese per spiegare alla popolazione e ai pazienti che le cure dentarie sono sicure. Ciononostante, il rispetto del piano di protezione e il numero limitato di mascherine potrebbero ripercuotersi sulle capacità operative degli studi dentistici e, pertanto, all’inizio i medici dentisti potrebbero non aver bisogno di tutto il personale. Ogni titolare dovrà quindi valutare di quanti collaboratori avrà bisogno. Resta il fatto che l’indennità per lavoro ridotto potrà essere fatta valere solo per la perdita di lavoro dovuta alla situazione contingente. Il diritto alle ILR decade se la perdita di lavoro calcolata sull’insieme dei collaboratori è inferiore al 10 per cento.

21.04.2020

Nuovamente autorizzati i trattamenti odontoiatrici

Dal 27 aprile 2020, gli studi dentistici riapriranno per i pazienti. I medici dentisti potranno eseguire di nuovo ogni genere di trattamento odontoiatrico. Insieme all’Associazione dei medici dentisti cantonali della Svizzera (AMDCS), la SSO ha elaborato un concetto di protezione completo, (PDF, 229 KB) che permetterà di riprendere l’attività clinica negli studi dentistici.

Dal 27 aprile 2020 saranno nuovamente autorizzati i trattamenti e i controlli odontoiatrici, a patto che vengano applicate misure di protezione speciali contro il coronavirus. Questo è quanto ha comunicato il 16 aprile 2020 il Consiglio federale. La Società svizzera odontoiatri SSO accoglie con favore questa decisione, grazie alla quale sarà nuovamente garantita l’assistenza odontoiatrica in Svizzera.

A tale riguardo Olivier Marmy, membro del Comitato centrale della SSO, si esprime così: «La salute orale è importante per lo stato generale di salute. Dopo le sei settimane in cui ci è stato ordinato di limitare le cure dentarie ai trattamenti d’urgenza, è finalmente giunto il momento di poter seguire di nuovo i pazienti in base ai loro bisogni, in modo da prevenire danni ai denti».

Per proteggere la salute dei pazienti e del personale degli studi dentistici e per ridurre il rischio di contagio, insieme all’Associazione dei medici dentisti cantonali della Svizzera (AMDCS) la SSO ha messo a punto un concetto di protezione completo contenente misure concrete, che è stato messo a disposizione di tutti i medici dentisti. Tali misure sono state elaborate con l’aiuto di esperti e si fondano su conoscenze scientifiche. I nostri standard d’igiene di per sé già rigorosi in condizioni normali prevedono ora misure addizionali, come il triage dei pazienti a rischio o la distanza sociale nella sala di attesa. Il fatto che le autorità permettano di riprendere i trattamenti odontoiatrici significa che il nostro concetto di protezione è stato giudicato convincente.

I pazienti possono contare sul fatto che, prima e durante i trattamenti, i medici dentisti SSO metteranno in pratica in maniera professionale le misure di protezione. «La nostra categoria professionale dà un’importanza estrema al benessere dei pazienti», afferma Marmy. «Noi operatori sanitari applicheremo rigorosamente le misure igieniche. I medici dentisti SSO sono di nuovo a completa disposizione dei propri pazienti e i loro studi dentistici sono sicuri».

15.04.2020

Il documento di posizione dei medici dentisti cantonali sostiene il concetto di protezione «Smart restart» della SSO

La SSO sta facendo tutto il possibile affinché dal 27 aprile 2020 i medici dentisti possano ricominciare a fornire cure dentarie nel rispetto del concetto di protezione «Smart restart durante la pandemia di COVID-19». Lo scopo è garantire l’assistenza odontoiatrica anche in tempi di diritto di urgenza dovuto al COVID-19. Nell’ambito dell’allentamento dello stato di necessità occorre riprendere in maniera responsabile l’attività negli studi medico dentistici, dando la priorità assoluta alla sicurezza dei pazienti e dei collaboratori.

Spetta al Consiglio federale decidere da quando si potrà procedere a uno «smart restart» dell’attività negli studi medico dentistici. Per questo motivo il sostegno da parte dei rappresentanti delle autorità, come i medici dentisti cantonali, è fondamentale. Ieri l’Associazione dei medici dentisti cantonali della Svizzera (AMDCS) ha inviato il proprio documento di posizione a Daniel Koch, delegato dell’UFSP per il COVID-19, il quale ha confermato di aver ricevuto sia il concetto dell’AMDCS che la strategia di protezione della SSO «Smart restart». Le due proposte, che sono sostanzialmente concordi su tutti i punti principali, chiedono una ripresa dell’attività, che preveda il minor numero possibile di limitazioni per gli operatori. Chiediamo la vostra comprensione se per il momento non possiamo pubblicare il concetto di protezione «Smart restart durante la pandemia di COVID-19»: in questo momento dobbiamo riuscire a presentare in modo convincente, insieme all’AMDCS, la nostra posizione e non lo possiamo fare pubblicamente. Al momento opportuno i membri della SSO verranno informati sui contenuti del concetto e sostenuti nella fase di applicazione.

Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto numerosi suggerimenti e proposte sia dai membri della SSO che dai suoi quadri. Li stiamo esaminando e, se li riterremo praticabili, ne terremo conto per la nostra strategia. Al momento non ci resta che aspettare la decisione del Consiglio federale per poter poi valutare la situazione. Dal governo federale ci aspettiamo inoltre che decida, ancora nel corso di questa settimana, in merito alla concessione di un’adeguata indennità per perdita di guadagno a favore dei medici dentisti indipendenti. Senza simili misure si mette a repentaglio l’assistenza odontoiatrica di base in Svizzera.

09.04.2020

La SSO, l’USAM e l’USLP affinché il Consiglio federale adotti ora misure specifiche

La SSO interviene nuovamente al fianco dell’Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) e dell’Unione svizzera dei liberi professionisti USLP affinché il Consiglio federale adotti ora misure specifiche per le PMI e i liberi professionisti. Nella sua presa di posizione espressa al telegiornale di ieri, Pirmin Bischof, presidente dell’USLP e consigliere agli Stati, ha menzionato esplicitamente anche i medici dentisti.

31.03.2020

Domande frequenti sulle vacanze in tempi di coronavirus

Quali regole si applicano alle vacanze dei collaboratori in tempi di coronavirus? Nell’area riservata ai membri sotto Aspetti legali / Contratti di lavoro trovate le domande più frequenti e le relative risposte (FAQ). (È necessario fare il login!)

27.03.2020

Richiedete i crediti transitori

La Confederazione ha pubblicato online una panoramica sui crediti transitori per le aziende, con informazioni utili per inoltrare una richiesta per un credito COVID-19. Vi consigliamo di mettervi in contatto con la vostra banca di fiducia. Per saperne di più: https://covid19.easygov.swiss/it/

La piattaforma Carenow

Gli stati maggiori cantonali di condotta sono alla ricerca di personale con una formazione in ambito sanitario per contrastare la diffusione del coronavirus. I medici dentisti e il personale con una formazione in ambito sanitario possono annunciarsi qui: https://carenow.ch/de/

26.03.2020

Adeguamento della procedura per annunciare il lavoro ridotto riconducibile al coronavirus

La Segreteria di Stato dell’economia SECO ha preannunciato una serie di semplificazioni per inoltrare le domande di lavoro ridotto, analogamente a quanto già fatto da alcuni cantoni. Vi preghiamo di rispettare le direttive emanate al riguardo dall’Ufficio del lavoro del vostro cantone. Le informazioni che vi forniamo si basano sullo stato attuale della situazione (26.03.2020), restano riservati ulteriori adeguamenti in caso di nuove indicazioni da parte del Consiglio federale.

Nell'area riservata ai membri, sotto Aspetti legali, abbiamo creato la rubrica «Annuncio di lavoro ridotto», che verrà aggiornata costantemente (è necessario fare il login).

24.03.2020

Comunicato per i media: Pandemia di coronavirus: il mio dentista continuerà a curarmi?

Il mio dentista continuerà a curarmi se ho mal di denti? Ecco la domanda che si pongono molti pazienti in questo momento. La Società svizzera odontoiatri SSO fa chiarezza: chi soffre di mal di denti o ha subìto un infortunio ai denti, si rivolga al suo medico dentista SSO di fiducia e verrà curato. Al comunicato stampa completo. (PDF, 70 KB)

23.03.2020

I medici dentisti cantonali hanno aggiornato le direttive riguardanti l’esercizio di uno studio medico dentistico durante la pandemia di Covid-19

L’Associazione dei medici dentisti cantonali ha aggiornato le sue disposizioni su come gestire lo studio dentistico durante la pandemia di coronavirus. Il nuovo documento fornisce ai medici dentisti dettagli concreti su come comportarsi, affinché possano definire al meglio il proprio assetto operativo. Qui (PDF, 90 KB) trovate il nuovo documento di posizione.

I medici dentisti cantonali della Svizzera discutono le direttive per l’esercizio dello studio

La SSO è costantemente in contatto con l’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP e con l’Associazione dei medici dentisti cantonali della Svizzera AMDCS. Nella presa di posizione allegata (pdf) (PDF, 86 KB) è descritto lo stato attuale della discussione (lunedì 16 marzo 2020, ore 12:00). L’UFSP e il Consiglio federale dovranno emanare direttive vincolanti. Appena saranno diramate nuove informazioni, la SSO vi orienterà immediatamente sulle stesse.

12.03.2020

Team dello studio medico dentistico: restare a casa per paura del contagio?

Al momento molti lavoratori corrono il rischio di contagiarsi con il coronavirus. Finché le autorità non emaneranno istruzioni ufficiali, il collaboratore è tenuto a recarsi al lavoro. Se un membro del team dello studio medico dentistico resta a casa per paura di contagiarsi, ciò equivale a un rifiuto immotivato di lavorare.

Misure igieniche nello studio medico dentistico

Le persone malate non vanno sottoposte a cure dentarie e devono essere rimandate a casa. In caso di urgenza, i pazienti vanno invitati ad andare in ospedale. Per principio, i trattamenti sui pazienti sani vanno eseguiti solo portando una mascherina igienica. In caso di problemi a reperire sul mercato mascherine igieniche, conformemente alle raccomandazioni dell’Istituto Robert Koch e rispettando determinate misure precauzionali, le mascherine possono essere riutilizzate più volte.

09.03.2020

COVID-19: Criteri di dichiarazione adattati

L'UFSP ha adattato i criteri di sospetto, di campioni e di dichiarazione di COVID-19.
Scheda informativa aggiornata

06.03.2020

Mascherine protettive: problemi di fornitura

La SSO si è messa in contatto con gli uffici dei medici cantonali, con le direzioni cantonali della sanità, con gli uffici federali competenti (l’Ufficio federale della sanità pubblica e l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese) e con l’Associazione svizzera del commercio dentario. La situazione che emerge è la seguente: la Confederazione ha ritirato tutte le scorte in deposito e ha iniziato a distribuirle ai cantoni. Gran parte dei cantoni intende fornire le mascherine protettive prioritariamente ai medici di famiglia e agli ospedali. Spesso, i medici dentisti non rientrano nei piani di pandemia cantonali. Solo pochi cantoni prevedono di distribuire le mascherine anche ai medici dentisti. La SSO continuerà a insistere.

Trattamenti senza mascherina protettiva?

Gli esperti raccomandano di astenersi dal trattare i pazienti senza mascherina protettiva. L’Istituto Robert Koch (RKI) in Germania propone una serie di misure  (PDF, 466 KB)per gestire con oculatezza le mascherine in caso di problemi di fornitura. (sommario in italiano) (PDF, 30 KB)

Disinfettanti: scorte sufficienti

Per quanto riguarda i disinfettanti, nell’immediato non si prospettano problemi di fornitura. Le farmacie sono sufficientemente rifornite di disinfettanti e molte hanno iniziato a produrne per conto proprio. A causa dell’evoluzione incerta, i disinfettanti vanno utilizzati in modo mirato e parsimonioso.

Riconoscere i pazienti a rischio

Per riuscire a identificare facilmente i pazienti a rischio, si raccomanda di procedere ad accertamenti a più fasi. Il Consiglio europeo dei dentisti (CED) rimanda al modello delle autorità sanitarie irlandesi (in inglese).

Obbligo di chiudere gli studi dentistici in caso di pandemia (quarantena)

Il coronavirus ha delle ripercussioni sull’attività lucrativa in Svizzera e, di conseguenza, anche sugli studi medico dentistici SSO. In relazione alle perdite di lavoro dovute alla diffusione del virus, il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca DEFR ha elaborato un documento. (PDF, 324 KB)

05.03.2020

Informazioni per i pazienti

La campagna d’informazione della Confederazione «Così ci proteggiamo» illustra le regole comportamentali e d’igiene attualmente in vigore.

Stampa questa pagina

Cerca un dentista SSO

Cercate uno studio medico dentistico SSO nelle vostre vicinanze?

CAP / Località
Raggio
Cercare

Servizio di collocamento

Urgenze

DENTOTAR®

Il sito web www.dentotar.ch fornisce le informazioni più importanti sul DENTOTAR®.

Pubblicità

Accesso riservato ai membri

Avete dimenticato il numero di membro? Lo trovate sulla tessera di membro blu o lo potete richiedere al segretariato della SSO.

Wir verwenden Cookies und Analysetools, um Ihnen den bestmöglichen Service zu gewährleisten. Indem Sie auf der Seite weitersurfen, stimmen Sie der Verwendung von Cookies und Analysetools zu. Weitere Infos finden Sie in unserer Datenschutzerklärung.

Ich stimme zu

Nous utilisons des cookies et des outils d’analyse dans le but de vous offrir le meilleur service possible. En poursuivant votre navigation sur notre site, vous acceptez nos cookies et nos outils d’analyse. De plus amples informations sont disponibles dans nos règles de confidentialité.

J’accepte

Utilizziamo cookie e tool di analisi per assicurarvi il miglior servizio possibile. Continuando a navigare nel sito, acconsentite all’utilizzo dei cookie e dei tool di analisi. Troverete ulteriori informazioni nella nostra Informativa sulla protezione dei dati.

Approvo